Ultima modifica: 18 Gennaio 2019
Istituto Comprensivo Karol Wojtyla > Avanguardie educative

Avanguardie educative

Idee adottate dall’Istituto

Scuola primaria

Comapattazione del Calendario

La Compattazione del calendario scolastico è una delle idee delle Avanguardie educative, essa consiste nella distribuzione del numero di ore di una disciplina in modo non omogeneo nell’arco dell’anno scolastico.
Ci saranno quindi materie che verranno insegnate unicamente nel primo quadrimestre e materie che verranno  insegnate solo nella seconda parte dell’anno,  e materie che avranno un diverso orario nel primo e secondo quadrimestre.

Abbiamo deciso di sperimentare diverse modalità:

  • La compattazione simmetrica o totale(alcune discipline del percorso di studi sono svolte solo nel primo quadrimestre, per un numero doppio delle ore curricolari previste; al termine del primo quadrimestre viene effettuata una valutazione finale che viene riportata nello scrutinio di fine anno. Altre discipline, per un equivalente numero di ore settimanali, vengono proposte solo nel secondo quadrimestre.)
  • La compattazione asimmetrica o parziale, (prevede invece una suddivisione non equivalente tra il primo e il secondo quadrimestre del monte ore totale della disciplina esempio: 2/3 del monte ore nel primo quadrimestre e 1/3 nel secondo).

18 SETTIMANE DAL 17 SETTEMBRE 2018 FINO AL  2 FEBBRAIO 2019

18 SETTIMANE DAL  4 FEBBRAIO 2019 FINO A L’8 GIUGNO 2019

CLASSI PARTECIPANTI RIPARTIZIONE ORARIO

///////////////////////////////

Spaced Learning (Apprendimento intervallato)

Lo «Spaced learning» è una particolare articolazione del tempo-lezione che prevede tre momenti di input e due intervalli. Nel 1° input l’insegnante dà le informazioni che aiuteranno gli studenti durante la lezione. La durata dell’input non è predeterminata. A questo primo momento segue un intervallo di 10’, durante i quali non deve esser fatto nessun riferimento al contenuto della lezione. Nel 2° input l’insegnante rivisita il contenuto della prima sessione cambiando il modo di presentarlo (ad es. usando esempi differenti tra loro e/o connotati da elevata interattività). Nel secondo intervallo si applicano i principi del primo, con un tempo di riposo/relax di 10’. Nell’intervallo l’attività sarà una declinazione della precedente. Anche in questo momento l’attività non sarà correlata al contenuto della lezione. Nel 3° input l’insegnante rimane sul contenuto della prima sessione, ma propone attività centrate sullo studente: i ragazzi dovranno dimostrare di aver acquisito il contenuto condiviso nei primi input, applicando le conoscenze in contesti di esercitazione o situazioni-problema. Il docente verifica infine la comprensione del contenuto della lezione da parte degli studenti.

///////////////////////////////

Scuola Secondaria primo grado

Aule Laboratorio Disciplinari

La configurazione tradizionale delle aule secondo la quale a ogni classe è attribuito uno spazio aula in cui gli studenti vivono la maggior parte del tempo scuola mentre i docenti girano da una classe all’altra, viene scompaginata per lasciare il posto ad aule laboratorio disciplinari. Le aule sono assegnate in funzione delle discipline che vi si insegneranno per cui possono essere riprogettate e allestite con un setting funzionale alle specificità della disciplina stessa. Il docente non ha più a disposizione un ambiente indifferenziato da condividere con i colleghi di altre materie, ma può adeguarlo a una didattica attiva di tipo laboratoriale, predisponendo arredi, materiali, libri, strumentazioni, device, software, ecc.
La specializzazione del setting d’aula comporta quindi l’assegnazione dell’aula laboratorio al docente e non più alla classe: il docente resta in aula mentre gli studenti ruotano tra un’aula e l’altra, a seconda della disciplina.